LUGO MEDICA | Via A. Acquacalda 25/3 - 48022 - Lugo (RA) | Tel 0545.23391 | info@lugomedica.it

Aut. Sanitaria prot. 2121 del 18/01/2016 del Comune di Lugo - Direttrice sanitaria Dott.ssa Chiara Ravaglia

© 2017 Created by O25 Medical srl

  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White Google+ Icon

O25 Medical srl | Via A. Acquacalda 2573 - 48022 - lugo (RA)

P. Iva e C.F. 02516420391 - REA RA-208845

PRIVACY POLICY - COOKIE POLICY

Gruppo loghi SA nuovo trasp.png

> Prenota la tua visita cardiologica online

Cardiologia

Dott. Della Casa Stefano

  • visita specialistica

  • elettrocardiogramma ecg

  • ecocardio

Dott. Pardeo Antonino

Di cosa parliamo?

 

Non sapevo né quando né come avrebbe colpito: il Gruppo Sanità Amica vi aiuta a mantenere il cuore in salute e a riconoscere le anomalie. Benvenuti nell'ambito della Cardiologia (dal greco kardia, che significa cuore e logos, discorso), ovvero la disciplina che studia, diagnostica e cura le malattie cardiovascolari acquisite o congenite.

Le patologie che colpiscono il cuore rappresentano nel mondo occidentale la prima causa di morte (50% del totale). Secondo l'Istat l'infarto colpisce oltre 120 mila italiani ogni anno.

Fra le malattie cardiache principali compaiono: l'angina stabile da sforzo, l'angina instabile e l'infarto del miocardio, i cui principali fattori di rischio, insieme alla predisposizione genetica, sono gli stili di vita sbagliati, ovvero quei fattori modificabili quali fumo, sedentarietà, stress, ipertensione, dislipidemia, obesità.

 

Il cuore è un muscolo e come tale va considerato. Esattamente come il muscolo scheletrico anche il tessuto miocardico è allenabile. L'adattamento del cuore è la base della prevenzione primaria e secondaria, cioè dei comportamenti necessari, in termini di stile di vita e scelte terapeutiche, prima che si arrivi alla comparsa della malattia.

 

Le persone maggiormente esposte ai rischi di 'infortunio' al cuore sono quei soggetti che assumono con la dieta grassi e sale in eccesso, cause di insorgenza, nel tempo, di ipercolesterolemia e ipertensione, fra gli imputati principali dell’aterosclerosi. Altrettanto pericolosi il fumo di sigaretta e di tabacco e la presenza di diabete, cause di sviluppo di lesioni aterosclerotiche.

Intervenire sui fattori di rischio modificabili, in altre parole gli stili di vita, associando una regolare attività fisica, eliminando il fumo, e mangiando correttamente seguendo le nuove indicazioni della piramide alimentare, significa ridurre l’incidenza di malattie cardiovascolari di tipo degenerativo. Ovviamente, in presenza di fattori di rischio immodificabili – ovvero età, sesso, familiarità, razza – si potranno anche associare le terapie farmacologiche più innovative.

 

Aree d'intervento

 

L'équipe affronta ogni tipologia di cardiopatia (ischemiche, congenite e pediatriche), oltre alle seguenti patologie:

 

- Aritmia: ovvero le alterazioni del ritmo cardiaco che, spesso, possono rappresentare l'unico segno della cardiopatia ischemica

- Ipercolesterolemia: eccesso di colesterolo nel sangue, in particolare del colesterolo 'cattivo' LDL

- Ipertensione arteriosa: anch'essa fra i fattori di rischio cardiovascolare, essa si verifica quando la pressione arteriosa sistolica (o massima) presenta un valore uguale o superiore a 140 mmHg e/o la pressione diastolica (minima) un valore uguale o superiore a 90 mmHg

- Miocarditi: infiammazioni del muscolo cardiaco in genere associate a infezioni virali, batteriche o fungine

- Pericarditi: insieme di disturbi che causano l'infiammazione della membrana che circonda il cuore (pericardio)

- Valvulopatie: tutte quelle patologie che interessano le valvole cardiache (valvole mitrale, ovvero quelle del cuore sinistro oppure quelle che riguardano la sezione destra del cuore)